Bastia Cap Corse
Bastia : vista del porto alta corsica
Bastia Cap Corse
Spiaggia di marinella capo corso
Bastia Cap Corse
Spiaggia di erbalunga capo corso
Bastia Cap Corse
villaggio di corsica riva sul mare capo corso

La regione di Bastia Capo Corso

I Paesi del Capo Corso e della regione di Bastia

Situata nell’estremità settentrionale dell’isola, la regione di Bastia-Capo Corsofa parte del dipartimento dell’Alta Corsica e Bastia ne è il comune più importante.

Questa regione rappresenta una delle zone più suggestive dell’isola e allo stesso tempo la zona caratterizzata dal maggior numero di contrasti in virtù dei paesaggi tra i più selvaggi, rilievi accidentati, boschi, montagne, piccoli villaggi abbarbicati sui pendii, ma anche magnifiche piccole calette che orlano la costa.
La vetta più alta della regione è il Monte Stello (1307 m slm), che si trova a solo 5 km di distanza in linea d’aria dalla costa orientale
Anche il Capo Corso, patrimonio naturale selvaggio perfettamente conservato, rappresenta una zona ricca di storia, tormentata da varie invasioni barbaresche, e in cui è presente più di un terzo delle famose torri genovesi costruite sull’isola per poter allertare la popolazione in caso di invasione.
Il Capo Corso si estende a nord della linea Bastia – San Fiorenzo, ed è una penisola lunga circa 40 km in direzione nord-sud e larga da 10 a 15km.
Sulla Punta di Capo Corso, tra Macinaggio e Centuri, la strada abbandona il litorale. Qui inizia il regno della macchia.
Il Capo Corso è un caposaldo del turismo della Corsica e una meta da visitare assolutamente!
Se desiderate soggiornare nell’Alta Corsica e in particolare nella regione di Capo Corso, eccovi alcuni luoghi e monumenti imperdibili :
Bastia classificata Città d’Arte e Storia

- Il museo di Storia di Bastia nell’antico Palazzo dei governatori
- Sua fortezza (XVI secolo)
- Chiesa Sainte marie (fino XV secolo)
- Chiesa Saint-Jean Baptiste (fino XVI secolo)
- Cappella dell’Immacolata Concezione (inizio XVII secolo)

Il Capo Corso – l’Aspetto naturalistico


-Il sentiero dei Doganieri permette di percorrere la punta del Capo Corso da Macinaggio a Centuri (26km)
-Il sentiero delle creste lungo 48km, è riservato agli escursionisti più esperti.

Il Capo Corso – l’Aspetto naturalistico e culturale


-Le varie Torri Genovesi (15 lungo la costa e almeno una per comune nell’entroterra)
-I borghi famosi della regione (tra cui Luri, Sisco, Baratelli, Macinaggio, Centuri, Cannelle… ) che vi faranno viaggiare nel tempo con le loro antiche abitazioni.
-I magnifici porti del Capo Corso (19 approdi in tutto, tra cui Erbalunga, Santa Severa, Macinaggio, Barcaggio, Centuri, Giottani…)
-I 7 mulini a vento costruiti intorno a Centuri e Macinaggio
-Le cappelle e le chiese in stile barocco o romanico dei vari paesini, la cui costruzione risale dal XV al XX secolo, tra cui in particolare quella di San Michele a Sisco (San Michele) o quella di Santa Maria Assunta a Canari.
-I palazzi americani in stile neoclassico toscano del XIX secolo fanno parimenti parte del magnifico paesaggio che vi offrirà questa regione dell’Alta Corsica !
Eccone alcuni: le Maisons Berlineri a Luri e Morsiglia, il castello Cagninacci a San Martino Di Lota, la villa Saint Pierre a Sisco
-I mulini ad acqua (XVII) che servivano un tempo a macinare il grano, di cui uno ancora in attività a Cagnano.
-Le sorprendenti fontane presenti in ogni comune della regione.
-I ponti genovesi, una delle numerose bellezzedel Capo Corso (risalenti tra il XII e il XVIII secolo)
-Ma anche le spiagge di Brando a Olmeta di Capocorso (25 in totale) per momenti di dolce farniente, i fiumi (tra cui Pietracorba)che vi consentiranno di godervi un piccolo refrigerio nella calura estiva, offrendovi al contempo numerosi divertimenti di tipo culturale, nautico o sportivo…


Tutto ciò renderà indimenticabili le vostre vacanze, con attività per il tempo libero adatte a tutti i gusti e ad ogni età!